SPECIAL PRICE STORE
Francesco Cusa - Official Website - Recensione di Francesco Cusa Trio, Francesco Cusa & The Assassins: The Uncle (Giano Bifronte) a cura di Vincenzo Roggero

Recensione di Francesco Cusa Trio, Francesco Cusa & The Assassins: The Uncle (Giano Bifronte) a cura di Vincenzo Roggero - il:2020-04-20

Francesco Cusa Trio, Francesco Cusa & The Assassins: The Uncle (Giano Bifronte)

Vincenzo Roggero By VINCENZO ROGGERO
April 20, 2020
Sign in to view read count
Francesco Cusa Trio, Francesco Cusa & The Assassins: The Uncle (Giano Bifronte) The Uncle, lo zio, ovvero Gianni Lenoci, così veniva chiamato dagli amici intimi il pianista, compositore, pensatore prematuramente scomparso nel settembre dell'anno passato. Ma il legame tra Francesco Cusa e l'artista barese era di quelli che andavano ben oltre le convenzioni di una pur solida amicizia. Non solo, allora, un doppio CD a lui dedicato il cui titolo originale Giano Bifronte è diventato il sottotitolo in favore di The Uncle . Non solo la presenza al pianoforte in un CD dello stesso Lenoci, ma anche la testimonianza toccante e senza fronzoli di quattro poesie a lui dedicate, immagini potenti tra ricordo, stupore e speranza. E naturalmente la musica.

Cinque composizioni a firma Cusa, due formazioni differenti a interpretarle, quasi un'ora complessiva di grande musica. Dagli evidenti richiami boppistici sia nei titoli che negli incipit, i cinque brani, tutti dalla penna di Cusa, si sviluppano repentinamente su coordinate e moods variegati. Si scivola dal groove funkeggiante dell'iniziale «Anthropophagy» alle sibilline linee pianistiche di « Cospirology», dal rarefatto ondeggiare di «Pharmacology» ai dialoghi incrociati, obliqui e frastagliati di «Reumatology», passando per «Dr.Akagi», una sorta di improvvisazione zen posizionata nel centro (meta)fisico del disco con il pianoforte di Lenoci ad illuminare ulteriormente il prima e il dopo. Questo succede sul versante del FCT + Francesco Benvenuti.

Con l'avvento di The Assassins le composizioni si trasformano in materia lavica, densa e vischiosa, con continue esplosioni di fuoco e di lapilli, incandescenze sonore che prima disorientano e poi accendono l'immaginazione. E irrompe prepotentemente VALERIA STURBA, folletto giocherellone e irrispettoso armato di violino, theremin, elettronica e voce. Che siano l'odore di zolfo e le svisate hard rock del primo brano, le incursioni elettroniche sparse ovunque, improbabili scat o gli allucinati hloop vocali di «Pharmacology», Sturba si conferma una dirompente, fantasiosa forza della natura, in grado di contagiare tutto ciò che la circonda. Gran orchestratore Francesco Cusa, abile nell'esaltare le peculiarità delle due formazioni e nel contempo conferire organicità ad un disco senza un attimo di tregua, ricco di idee e superbamente suonato.

Album della settimana.
Track Listing

Anthropophagy; Cospirology; Dr. Akagi; Pharmacology; Reumatology.

Personnel

Francesco Cusa: drums; Gianni Lenoci: piano; Giovanni Bevenuti: saxophone, tenor.

Valeria Sturba: voice, theremin, violin, electronics; Ferdinando Romano: bass.

Album Information

Title: The Uncle (Giano Bifronte) | Year Released: 2020 | Record Label: Improvvisatore Involontario/Kutmusic